“La qualità in ambito biologico e biotecnologico: un valore aggiunto per il settore agroalimentare farmaceutico. Binomio vincente per l’ambiente”: il 31 marzo il webinar delle Delegazioni ONB di Toscana Umbria ed Emilia Romagna Marche

Lo scorso 31 marzo si è svolto il webinar di caratura nazionale, dedicato alla qualità “in ambito biologico e biotecnologico”, intesa come “valore aggiunto per il settore agroalimentare, farmaceutico & binomio vincente per l’Ambiente“, organizzato dalle Delegazioni ONB di Toscana Umbria ed Emilia Romagna Marche.

COS’E’ LA QUALITA’
Perché proprio la qualità? Perché non la qualità, si potrebbe ribattere. D’altronde, mica è facile definirla? Ci hanno provato in tanti a descriverla. Ma non è così semplice etichettarla, come potrebbe sembrare in un primo momento. Volendo definirla con le parole dell’ingegnere aerospaziale Peater Senge: la qualità “è una vera e propria trasformazione del modo in cui facciamo le cose, del modo in cui pensiamo, del modo in cui lavoriamo insieme e dei nostri valori“. E allora perché non farne oggetto di un webinar?

EVENTO TRASMESSO SU TEAMS E YOUTUBE
L’evento, di cui (in basso) ripubblichiamo il programma dettagliato con tutti i nomi dei relatori ed i vari titoli delle sessioni, accreditato ECM (10.5), è andato in onda su piattaforma multimediale dedicata (aula virtuale, webinar) Teams (a quanti si sono iscritti per partecipare al corso è stato inviato l’apposito link per il collegamento) in Fad sincrona oltre che su Youtube (attenzione però: quanti hanno seguito la diretta su Youtube non si vedranno riconoscere crediti ECM).

A CHI SI RIVOLGEVA IL WEBINAR
La proposta formativa è stata pensata, oltre che per i Biologi, anche per Chimici, Farmacisti e per i rappresentanti di altre professioni non sanitarie (tecniche) come Agronomi, Ingegneri, Architetti e Geometri con la possibilità di tradurre, per ciascun ordine tecnico, i crediti ECM in CFP. Il corso è stato inoltre esteso anche alle professione sanitarie Medico Veterinarie. Lo scopo, d’altronde, era quello di fornire le conoscenze utili per poter svolgere la propria attività in ambito manifatturiero, oltre che per concorrere alla qualità biologica di prodotti destinati al consumo umano e dei servizi connessi.

NORMATIVA & SICUREZZA ALIMENTARE
A tal proposito, si segnala, a partire dalle ore 11,20, tutta la serie di interventi trasmessi in materia di “Normazione Tecnica & Sicurezza Alimentare“, oltre che di Sicurezza Nutrizionale. Si è discusso, in questa fase dei lavori, anche di “Normativa UNI – Validazione dei programmi di prerequisiti operativi (PRPo)” e di Biotecnologia in particolare. Quindi di tutta la vasta frontiera delle scienze omiche basate sui principi della Biologia molecolare con particolare attenzione ai fondamenti della Bioinformatica e della Biologia computazionale. Ancora, sono stati affrontati i temi “emergenti” correlati alla certificazione del Biologico e dei prodotti a marchio, oltre a considerare il fondamentale plus valore della Biologia applicata collegata alla valorizzazione delle risorse ed all’impatto dei cambiamenti climatici con relative “ricadute” sulla qualità degli alimenti.

COSA SI E’ APPRESO
Il webinar – di cui responsabile scientifico era la dott.ssa Stefania Papa, consigliere ONB con delega alla Sicurezza Alimentare (nonché delegata ONB per le regioni Toscana-Umbria e per Accredia) – ha inteso fornire, infatti, le principali nozioni relative a qualità, certificazione ed accreditamento; illustra le norme ISO di interesse per i Biologi, gli enti normatori e quelli certificatori; il sistema qualità delle aziende e la relativa certificazione; la progettazione della qualità di un prodotto destinato al consumo umano; le metodologie di controllo e verifica in ambito agroalimentare e farmaceutico con particolare riguardo all’impatto ambientale.

QUALITA’ E CERTIFICAZIONE NELL’AGROALIMENTARE
Si ricorda che ai lavori hanno partecipato anche i rappresentanti di Accredia con i quali si è discusso anche di qualità, certificazione e sostenibilità sempre in riferimento al settore agroalimentare. Si tratta di temi già dibattuti, in premessa, lo scorso 9 marzo, in occasione del convegno online dal titolo “Export e certificazione accreditata: un binomio vincente per le PMI” organizzato proprio dall’Osservatorio Accredia.

ALLA TAVOLA ROTONDA UN PATTO PER LA QUALITA’
Ancora, a partire dalle ore 16 e fino alle 18, l’evento si è arricchito di un’interessante tavola rotonda, che ha visto la presenza, tra gli altri, di autorevoli figure e personaggi di caratura nazionale, rappresentanti del “pianeta” Accredia, del mondo delle aziende, delle istituzioni e della ricerca scientifica.

UN MANIFESTO TRA GLI STAKEHOLDER
A dir poco emblematico il titolo scelto per il dibattito – che è stato moderato dalla dott.ssa Stefania Papa (ONB) e dalla prof.ssa Annalaura Carducci (PO di Igiene Generale e Applicata, Responsabile del Laboratorio di Igiene e Virologia Ambientale presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa) – nel quale si racchiude l’essenza stessa del manifesto siglato, poi,, al termine dei lavori, tra i vari stakeholder coinvolti nella discussione: “Un patto per la qualità: un punto di forza per la professione & l’impresa“.

IMPRESA & FILIERA: INTERVIENE IL SENATORE CALIGIURI
E proprio all’insegna di questo “patto”, nel corso della tavola rotonda, si è discusso di “valorizzazione delle filiere agroalimentari” intese come “punto di forza dell’Export” con il sen. Fulvia Michela Caligiuri, membro della 9a Commissione permanente (Agricoltura e produzione agroalimentare). Filo conduttore del dibattito, appunto, il patto e la trattazione di interventi che siano in grado di mettere in evidenza lo “stato dell’arte” del settore agroalimentare e farmaceutico, considerati un binomio vincente proprio per la professione & l’impresa, con un occhio attento ad una qualità che punti ad una professione sempre più “accreditata” per un’ottimizzazione della produttività soprattutto per quanto concerne l’export.

CERTIFICAZIONI ACCREDITATE
Ancora, nel corso della tavola rotonda si è parlato di “certificazioni accreditate come elemento di supporto per le imprese e a garanzia di Istituzioni e Consumatori” con Filippo Trifiletti, Direttore Generale ACCREDIA. Di “Ricerca e Sviluppo” con un focus dedicato alla “competenza del biologo a servizio dell’impresa” con Vincenzo Longo, Ricercatore e Primo Ricercatore presso IMD-CNR, IFC-CNR e IBBA-CNR.

ALTRI ARGOMENTI DI APPROFONDIMENTO
A seguire, ecco lo spazio per approfondire anche il tema dedicato a “Ricerca e sviluppo per il settore agroalimentare: il metodo scientifico migliora la produttività” con Stefano Vaccari, Direttore Generale CREA; e per discutere di “Università & EFSA: ricerca competitiva internazionale” con la partecipazione, al tavolo, di Carmela Vaccaro (Rapporti con l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare EFSA/UniFe).

FOCUS SU BIOTECNOLOGIE E SETTORE FARMACEUTICO
Durante la tavola rotonda c’è stato anche lo spazio ed il tempo per discutere di “Biotecnologie” intese come “nuove frontiere della conoscenza” con Carla Emiliani, Delegato del Rettore per il settore didattica UniPg; e poi per affrontare un vasto focus sulla “formazione continua in materia di qualità per il settore farmaceutico & agroalimentare” con Marco Verani, Professore Associato UniPi; a seguire, in scaletta: il dibattito su “Bioinformatica scienza a supporto dello sviluppo” con l’intervento di Pierluigi Martelli, Professore Associato UniBo. E, per finire, una fotografia dello “stato dell’arte delle biotecnologie dedicate al settore farmaceutico” con Leonardo Vingiani, Direttore ASSOBIOTEC.

RIVEDI IL WEBINAR:


N.B.

Per tutti gli eventi in modalità webinar che rilasciano crediti ECM si ricorda che per potervi accedere i requisiti sono:

    • aver partecipato per un minimo del 90% del tempo totale dell’evento – tempo calcolato dal suo inizio alla sua fine – che verrà registrato automaticamente dal momento della connessione dell’utente con account nominale, al momento della sua disconnessione (si deve utilizzare l’account che si ha comunicato precedentemente, non uno diverso);
    • superare con almeno il 75% di risposte esatte il questionario ECM
  • Chi entrerà in modalità ANONIMA non potrà avere accesso alla parte ECM, ne potrà richiedere alcun attestato di partecipazione all’evento.

 

 

Modalità di accesso al questionario ECM:

Per poter accedere al questionario nella piattaforma LMS dell’ONB https://onbfad.onb.it/ si ricorda che:

  • Se si è un utente già registratonella piattaforma LMS, si dovrà inserire il proprio CF e la propria password.
  • Se si è utente NON iscritto alla piattaforma LMS occorrerà allora inserire il proprio CF e la password provvisoria “Myonb1@FAD“.
  • Il questionario sarà visibile potrà essere compilato (con un massimo di 5 tentativi a disposizione) dalle ore 23:55 del 31/03/2021 alle ore 23:55 del 03/04/2021.
  • Si ribadisce ancora una volta che SOLO coloro i quali avranno seguito l’evento per un minimo del 90% del tempo totale – calcolato dall’inizio del corso fino alla fine – che verrà registrato automaticamente dal momento della connessione dell’utente con account nominale, al momento della sua disconnessione, e che avranno conseguito almeno il 75% di risposte esatte, acquisiranno i crediti ECM relativi.

 

  • L’ATTESTATO ECM non verrà rilasciato automaticamente dalla piattaforma: a seguito dell’incrocio dei dati (tempo di connessione dell’utente e superamento del questionario), e dopo la lavorazione del corso, per la quale il Provider ha 90 giorni, verranno inviati gli attestati ECM a tutti coloro che ne avranno diritto.