Accordo ONB-ARPA Umbria, un modello di sinergia tra ordine e istituzioni

Una collaborazione stabile per realizzare progetti a tutela dell’ambiente e iniziative di orientamento in entrata nel mondo del lavoro. A siglare l’accordo, proposto dalla consigliera nazionale e delegata per la Toscana e l’Umbria Stefania Papa e approvato in sede di consiglio con delibera n. 819, l’Ordine nazionale dei Biologi e Arpa Umbria, l’agenzia regionale di protezione ambientale.

A illustrarne i contenuti proprio Stefania Papa: “Il ruolo dei biologi è sempre più centrale in numerosi ambiti, compresa la tutela ambientale. La sinergia con ARPA rappresenta un’opportunità per l’Agenzia, e quindi per i cittadini, così come per i biologi, chiamati a mettere le proprie competenze a disposizione di un ente così centrale nelle politiche di protezione dell’ambiente.

E a proposito del ruolo dei biologi in campo di tutela ambientale e di sinergie con le istituzioni – in questo caso proprio l’Umbria – opportuno ricordare il caso di Natura 2000, il principale strumento della politica dell’Unione Europea per la conservazione della biodiversità.

In vista della definizione di LIFE IMAGINE Umbria, progetto strategico finanziato dall’UE per la valorizzazione della rete Natura 2000 (qui la brochure di presentazione), la Regione Umbria ha chiesto la partecipazione dell’Ordine dei Biologi, che, a sua volta, ha investito la collega Rosalba Padula, biologa al servizio di Arpa Umbria, coinvolgendo così anche l’Agenzia per l’ambiente (il 28 settembre si terrà il primo tavolo tecnico). Una sorta di rete di competenze e collaborazioni che permetterà, ancora una volta, di valorizzare le competenze dei biologi e rafforzarne il loro impiego.